L'arteterapia

Giorgia Filippone – Arteterapia

L’arteterapia costituisce uno strumento per permettere e migliorare il contatto con le proprie emozioni, approfondire la conoscenza del disturbo, sviluppare capacità creative ed espressive quali modalità per facilitare l’accesso al mondo interno e la possibilità di comunicarlo all’altro, facilitare il superamento di difficoltà relazionali, stimolare processi di cambiamento e di cura.

L’attività creativa richiede non solo un impegno intellettivo e cognitivo ma anche percettivo, sensoriale e motorio, coinvolgendo l’individuo nella sua totalità mente-corpo.

L’arteterapia costituisce uno strumento utile di prevenzione del disagio e un valido aiuto all’integrazione dei vari aspetti della personalità, aumentando l’autostima e la conoscenza di sé e aiutando l’individuo ad attingere pienamente alle proprie risorse interne.

L’attività di arteterapia è utilizzata sia in sedute INDIVIDUALI sia di GRUPPO

Può essere applicata in ambito:

PRIVATO/EDUCATIVO/FORMATIVO

SANITARIO/SOCIALE/RIABILITATIVO

In particolare, con i disturbi: d’ansia; dell’alimentazione; dell’apprendimento; dell’umore; di personalità; psichiatrici; stati depressivi; abuso; disturbo post traumatico da stress;

L’ATELIER

Lo studio di un arteterapeuta è una stanza accogliente luminosa, ricca di stimoli: fogli di carta di ogni colore, tipo e dimensione, matite e pennarelli, tempere, panni di creta, plastilina, stoffe, gomitoli di lana e poi forbici, colla, ecc. Questo spazio non è solo materiale, ma anche e soprattutto simbolico, poiché grazie ai confini che lo custodiscono esso rappresenta una cornice di riferimento sicura e protetta nella quale c’è la possibilità di esplorare tutte le proprie emozioni attraverso la relazione con i materiali e con l’arteterapeuta.

L’arte rende possibile ”vedere” ed “esprimere” molto più di quello che le parole possono fare, poiché si tratta di una comunicazione densa di significato intrinseco, che viene percepita emotivamente, anche da chi ne fruisce, in modo diretto. Essa incorpora idee, sentimenti, sogni, aspirazioni; narra e veicola un’ampia gamma di emozioni, dall’immensa gioia al profondo dolore, dal trionfo al trauma.

Aiuta a:

  • Comunicare e scambiarsi impressioni, ricordi, stati d’animo, immagini reali o fantastiche.
  • Lascia emergere materiale inconscio poiché le immagini sono immediate, autentiche, partono dal profondo ed è più facile esprimerle perché non creano barriere di difesa.
  • Può essere un modo più sicuro di esprimere intensità o sentimenti conflittuali.
  • Promuove una comunicazione non-verbale profonda con sé, con l’arteterapeuta e con gli altri.
  • Funziona bene sia in un lavoro individuale che di gruppo

L’ARTETERAPEUTA

L’arteterapeuta è colui che fornendo idee e suggestioni e proponendo l’uso dei materiali e delle tecniche lavora sempre sull’unità dell’individuo e l’integrazione delle parti, sollecitandone le risorse migliori, rispettandone le difese, non “interpretandone” i lavori, ma aiutandolo a fare chiarezza in un percorso di consapevolezza e sviluppo personali.

"Non sono necessarie competenze di tipo artistico,poiché ogni espressione è manifestazione autentica di un sentire profondo."

 

Giorgia Filippone

Categoria